martedì 5 novembre 2013

Bandiere (2): Creazione

English: Flags: creation
Français: Drapeaux: création
Deutsch: Flagge: Schaffung
_____________________________________


Un amico mi ha detto che non ho ancora spiegato come creo le bandiere che presento assieme alle miniature. Presto fatto: Come accennato in precedente post, nel tempo ho raccolto su internet le bandiere riferenti le varie unità che intendo creare con il mio progetto.

Quando preparo una nuova unità mi preoccupo di preparare la relativa bandiera. Ad esempio. in questi giorni sto dipingendo l'8° RGM Principi della Confederazione del Reno. Questo RGM era formato da truppe arruolate nel territorio del Mecklenburg Schwerin e Mecklenburg Strelitz. Il RGM era formato da 4 BTG. Il 1° ed il 2° da 2 BTG di Linea del M.Schwerin, il 3° BTG dai moschettieri del M.Strelitz ed il 4° dal vecchio BTG della Guardia del Meclenburg.

Tempo addietro avevo ritrovato le bandiere del 1° e del 2° BTG. Le bandiere sono uguali ma cambia il colore di fondo. Per la prima è bianco e per la seconda è blu. Ora, siccome il RGM in oggetto sarà formato da 23 miniature, 2 bandiere potranno benissimo coesistere. Quando la basetta sarà pronta, ritengo che le posizionerò in prima e seconda fila.

Preparazione. Tramite Microsoft-Paint (ma ritengo vada bene qualunque programma simile) creo la bandiera "doppia". Ossia con entrambe le facciate della medesima. In certi casi le bandiere sono differenti sui 2 lati (ad esempio quelle austriache), in altri casi sono uguali come nel caso del Mecklenburg. Attenzione. Occorre verificare che il retro della bandiera non abbia esigenze di "reverse". Faccio un esempio. L'attuale bandiera francese ha il blu aderente l'asta seguito dal bianco ed infine dal rosso. Mentre la bandiera della Gran Bretagna non ha questo problema in quanto è uguale sui 2 lati.

Quindi in alcuni casi occorrerà creare il retro della bandiera "a specchio" ossia con l'immagine rovesciata destra-sinistra. Inoltre occorre prevedere un piccolo spazio fra le 2 facciate della bandiera. Questo perché ci sarà lo spessore dell'asta.

L'immagine della bandiera avrà una dimensione media di cm 1x1. Questo perché la maggior parte delle bandiere dell'epoca erano pressoché quadrate. Quindi la bandiera verrà stampata su stampante a colori ad "alta risoluzione". Questo per avere i particolari ben delineati.

Stampate le nostre bandiere verranno ritagliate con cura. Personalmente per le aste utilizzo un filo di rame (cavo elettrico) ma non quello che viene venduto ricoperto da una guaina in plastica. Questo è un filo (cavo) di rame "cotto". Ossia ha ricevuto un tipo di trattamento che lo ha reso morbido. A me interessa che sia rigido e pertanto utilizzo del Filo da impianti "crudo" che ha una certa rigidezza.

Con delle tronchesine taglio uno spezzone di 2 cm. Quindi raddrizzo, se occorre, con delle pinzette. Curiosità. Il rame "crudo" ha un colore più scuro del rame "cotto", un rosso tendente al marrone. Pertanto avanzo l'attività di verniciare l'asta.

A questo punto con un piccolo pennello stendo un velo di Vinavil nella parte non stampata della bandiera. Quindi posiziono l'asta al centro e ripiego la bandiera e faccio coincidere i bordi.

Non resta che lasciar asciugare. Quando la bandiera è asciutta è possibile piegarla per dare un senso di movimento alla medesima e la bandiera è pronta.

La bandiera raffigurata è quella dei RGM stranieri al servizio della Francia